Imu e Tasi 2017: normativa e scadenze

16 giugno la scadenza delle tasse sugli immobili

Home / Eventi / Imu e Tasi 2017: normativa e scadenze

Promemoria

//

Si avvicina la tradizionale scadenza di Imu e Tasi: il 16 giugno, infatti, i contribuenti saranno chiamati a effettuare il versamento della prima rata delle tasse sugli immobili. L’acconto di giugno sarà uguale al 50% dell’imposta, mentre il restante dovrà essere corrisposto entro il 18 dicembre. Tuttavia, sarà comunque possibile scegliere di versare l’intero importo in una sola soluzione. 

Ma chi dovrà effettivamente effettuare il pagamento? Sebbene siano entrambe calcolate sugli immobili, Imu e Tasi sono differenti: la prima si versa per il possesso di uno o più di essi, mentre la seconda, seppur legata al medesimo principio, viene pagata per l'erogazione dei cosidetti "servizi indivisibili" (illuminazione pubblica, manutenzione stradale, ecc.).

Come già previsto per il 2016, anche quest'anno non pagheranno la tasi i prorietari di prima casa. Qualora i componenti del nucleo familiare vivessero in immobili differenti, solo uno avrà pero' diritto all'esenzione. Sono, inoltre, esenti le pertinenze dell'abitazione principale.

Per quanto riguarda l’Imu, sono confermate le aliquote del 2016 e  l’esenzione per la prima casa, a meno che si tratti di abitazioni di lusso e quindi rientranti nelle categorie catastali A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (ville), A/9 (castelli o palazzi di eminenti pregi artistici o storici). Tuttavia, la legge prevede specifici casi in cui l’immobile possa essere equiparato all' abitazione principale e pertanto esente dal pagamento. L’Imu non si paga nei casi di:

  • unità immobiliari adibite ad abitazione principale di soci assegnatari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivise;
  • gli alloggi classificati come sociali ai sensi del decreto del 22 aprile del 2008 del Ministero delle Infrastrutture;
  • le unità immobiliari di proprietà del personale di servizio permanente delle Forze Armate o della Polizia, dei Vigili del Fuoco e del personale della carriera prefettizia non concesso in locazione;
  • la casa assegnata al coniuge in caso di separazione;
  • la casa appartenente a cittadini residenti all’estero, se si è pensionati nel Paese dove si risiede, se si è iscritti all’AIRE e l’immobile non risulta né locato né utilizzato per un comodato d’uso;
  • unità immobiliare, non locata, posseduta per proprietà od usufrutto da anziani o disabili ricoverati in istituto, qualora lo stabilisca l’opportuna delibera comunale.

 

 

 

Altri eventi

Calendario eventi

Orario uffici

  • Lunedì - VenerdìDalle 9:00 alle 12:30
  • SabatoDalle 9:00 alle 12:00
  • DomenicaChiuso
  • Telefono0532/465720